Costruzione Tetto Coibentato: Processo e Materiali da Utilizzare – F.lli Vitali Lattonieri

Costruzione tetto coibentato: processo e materiali da utilizzare

Involucro Edilizio Sostenibile: Tutto Quello che Devi Sapere
Involucro edilizio sostenibile: Tutto quello che devi sapere
21 Ottobre 2020
Novità Fratelli Vitali: rivestimenti in metallo di Design
12 Novembre 2020
Costruzione Tetto Coibentato: Processo e Materiali da Utilizzare
Costruzione Tetto Coibentato: Processo e Materiali da Utilizzare

La tua casa o il tuo edificio è datato? I tuoi consumi sono incredibili e la dispersione termica, in inverno ed in estate è insostenibile? Allora è probabile che tu non abbia un’adeguata coibentazione del tetto!

Il calore prodotto all’interno delle mura domestiche (da termosifoni, stufe o altro) si disperde verso l’esterno in vari punti della tua casa, tra cui proprio il tetto!

Sicuramente questa non rappresenta una situazione piacevole. La soluzione più veloce (e l’unica diciamo noi) è alzare un po’ il termostato. Questo calore rimarrà all’interno dell’abitazione? Certo che no se la tua casa non è isolata.

Risultati? Un grande consumo di risorse e di energia e un aumento dei costi sulla tua bolletta. Freddo e umidità non gioveranno alla salute e neppure al tuo portafoglio!

Come risolvere il problema? Con un’ottima coibentazione del tetto!

Perché costruire un tetto coibentato?

Il tetto della nostra casa è un elemento fondamentale: non solo ci protegge dalle intemperie ma anche dal caldo e dal freddo. Durante l’estate, il tetto assorbe tutto il calore che c’è all’esterno; stessa cosa in inverno con il freddo.

Ma se la copertura della tua casa viene costruita con materiali isolanti e coibentati, tutto ciò non sarà più un problema! Come mai? Perché si otterrà un equilibrio termico perfetto in tutte le stagioni. In inverno il freddo non penetrerà più nell’abitazione e il piacevole caldo non uscirà all’esterno mentre in estate si verificherà l’esatto contrario.

Il valore di avere un tetto coibentato sarà il risparmio energetico notevole e, soprattutto, reale! Non ti preoccupare se non hai fatto questa operazione durante la costruzione dell’edificio: grazie alla tecnologia, è possibile realizzare un tetto coibentato anche negli anni successivi.

Migliorando la classe energetica della tua casa è possibile usufruire di incentivi statali che permettono un recupero parziale della spesa per lo svolgimento della coibentazione.

Il processo: come isolare il tetto

Il processo: come isolare il tetto

Innanzitutto distinguiamo i lavori di coibentazione per un sottotetto abitabile dal solaio non abitabile. Nel primo caso, è possibile stendere i materiali isolanti direttamente alla solida struttura del tetto; mentre nel secondo caso, l’isolante è applicabile al solaio, rivestendolo con un massetto leggero per evitare di appesantire maggiormente la soletta.

Questo isolamento del tetto deve essere realizzato con materiali che si caratterizzano per avere un’ottima conducibilità termica costante (resistenza alle dilatazioni dovute agli sbalzi termici), posati insieme a materiali bituminosi.

La migliore soluzione per un sottotetto abitato? Con la coibentazione diretta delle falde della copertura, i materiali utilizzati possono essere installati anche dall’interno dell’abitazione, senza dover rimuovere la struttura del tetto.

Hai bisogno di maggiori informazioni sul processo della costruzione del tetto coibentato?

Quali materiali usare?

Partiamo dallo spiegare la composizione del pannello coibentato che andrà posato nel tetto: lo strato di materiale isolante è contenuto all’interno di due rivestimenti metallici, i quali donano resistenza alla posa e al sistema di coibentazione tetto, senza rinunciare alle sue proprietà meccaniche.

Tra i vari materiali utilizzati per la coibentazione del tetto, troviamo sia elementi naturali che sintetici.

I primi possono essere: legno, sughero, lana, cartone e così via: questi forniscono un’ottima coibentazione termica, non sono nocivi e garantiscono la giusta traspirabilità evitando le fastidiose muffe e condense.

Nei secondi e cioè materiali sintetici, troviamo: poliestere, poliuretano e polistirolo. Derivanti da processi chimici, hanno un minor potere isolante rispetto ai materiali naturali, il cui costo è un po’ superiore.

Installare questi pannelli di coibentazione per il tetto è un processo complicato! Infatti, richiede l’impiego di una grande forza lavoro esperta e professionale, avendo diverse tecniche di posa per ogni tipologia di tetto, di pannelli e di materiali utilizzati.

Per questo è importante affidarsi a esperti del settore come F.lli Vitali lattonieri! Da anni si occupano di coibentazione dell’involucro edilizio e cercano con passione e professionalità di migliorarsi per offrire un prodotto e un servizio artigianale sempre più innovativo, performante e di grande qualità. Vieni a trovarci!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.