Il Miglior Materiale Isolante per Tetti – F.lli Vitali Lattonieri

Ecco il miglior materiale isolante per tetti

Tecniche Innovative dell’Involucro Edilizio
Tecniche innovative dell’Involucro Edilizio
19 Ottobre 2020
Involucro Edilizio Sostenibile: Tutto Quello che Devi Sapere
Involucro edilizio sostenibile: Tutto quello che devi sapere
21 Ottobre 2020
Il Miglior Materiale Isolante per Tetti
Il Miglior Materiale Isolante per Tetti

Quanto è importante isolare termicamente il tetto della propria abitazione? E come scegliere il miglior materiale isolante per tetti? Non ti preoccupare sei nel posto giusto!

Isolare termicamente la propria abitazione ha un’importanza fondamentale, in quanto ti permette di vivere con un maggior comfort e allo stesso tempo, di risparmiare sulle spese per il riscaldamento.

Per scegliere il miglior materiale isolante è importante considerare:

  • le sue proprietà;
  • le caratteristiche della struttura da isolare;
  • le prestazioni che si vogliono ottenere.

Il primo fattore che ci aiuta nell’isolamento termico è lo spessore del materiale! Infatti, con uno spessore maggiore avremo una maggiore coibentazione.

Questo potere coibente dei materiali termoisolanti è legato al valore della conducibilità termica: più piccola è la conducibilità, maggiore sarà il potere isolante del materiale. Di conseguenza, sarebbe opportuno isolare la propria abitazione con materiali a bassa conducibilità termica.

Il secondo fattore da considerare è lo sfasamento termico, cioè il tempo (calcolato in ore) impiegato dal calore per passare attraverso un materiale e raggiungere l’interno dell’abitazione. Tutti i materiali con un elevato sfasamento termico permettono, maggiormente durante il periodo estivo, che il picco di calore esterno possa arrivare all’interno dell’abitazione dopo molte ore (esempio verso sera) così che per raffrescare l’ambiente basti aprire le finestre.

Tuttavia, non conviene utilizzare questo materiale in tutte le zone climatiche. Come mai? Perché in alcune zone (come in pianura), le temperature estive si mantengono molto elevate anche durante la sera e non basterebbe aprire per raffrescare gli ambienti; di conseguenza in questi luoghi conviene puntare a limitare il calore che arriva all’interno.

Il terzo fattore è considerare il potere traspirante del materiale, ovvero la resistenza di diffusione al vapore: tanto più piccolo è il valore della diffusione, tanto più il materiale risulterà traspirante. Un materiale molto traspirante migliora l’isolamento termico, perché riduce la possibilità che si crei condensa all’interno dell’abitazione.

Tetto Isolato: Esempio e Struttura

Scopriamo insieme le tipologie di materiali isolante per tetti

Prima di tutto dividiamo i coibenti in tre macro-gruppi:

  1. gli isolanti sintetici;
  2. gli isolanti minerali;
  3. gli isolanti vegetali.

Isolanti Sintetici

Gli isolanti sintetici sono dei materiali chimici, derivanti dal processo di lavorazione del petrolio. Possiamo trovare: la fibra di poliestere, il polistirene espanso sinterizzato (EPS) o estruso, il poliuretano e il polietilene espanso, le schiume e diversi altri. Tali coibenti sono resistenti all’acqua, all’umidità e molti diffusi, in quanto molto convenienti, non solo nel prezzo e nell’ottimo isolamento termico, ma anche nella posa in opera!

La vita utile del materiale varia dai 30 ai 50 anni, con una progressiva diminuzione delle prestazioni nel tempo.

Ma attenzione: potrebbero essere pericolosi in caso d’incendio, se non dovutamente trattati! Questi materiali sono indicati per l’isolamento a cappotto termico esterno, per facciate ventilate e per ponti termici. Inoltre, possono essere impiegati anche per l’isolamento di coperture e solai.

Isolanti Minerali

Gli isolanti minerali sono di origine naturale (rinnovabili e riciclabili). Questi materiali ricavati dalle rocce sono usati spesso in edilizia per le sue elevate prestazioni in presenza di umidità. Infatti, sono resistenti alle muffe e non sono combustibili.

Fanno parte degli isolanti minerali: la lana di vetro, di roccia, l’argilla e la perlite espansa, i feltri, etc. In generale, posseggono un buon isolamento termico, sono durevoli e traspiranti.

Sono sicuramente più costosi rispetto agli isolanti sintetici, e alcuni materiali minerali per resistere all’umidità, devono essere esposti a trattamenti.

Si possono utilizzare per la realizzazione di cappotti, facciate ventilate, coperture ventilate, pareti divisorie, controsoffitti, sottopavimenti e solai.

Isolanti Vegetali

Anche gli isolanti vegetali sono materiali di origine naturale e non presentano vari componenti di origine sintetica e chimica. Infatti, provengono da materie prime rinnovabili, attraverso processi di produzione e installazione non dannosi sia per l’ambiente che per l’uomo. Oltre ad essere riciclabili e biodegradabili, hanno un basso contenuto di energia per il loro ciclo di vita.

Possiamo trovare al loro interno: la fibra di legno, (si e no mineralizzato), la fibra di cellulosa, di canapa, di lino, sughero etc. Sono molto utilizzati in edilizia, hanno un buon isolamento acustico e termico, non sono vulnerabili all’umidità e hanno una buona traspirabilità.

Si utilizzano per cappotti esterni ventilati, coperture ventilate, inclinate, pareti divisorie interne, controsoffitti, sottopavimenti e solai (soprattutto in strutture in legno e muratura).

Chiedici maggiori informazioni per i materiali isolanti per tetti.

Un nostro esperto ti offrirà i migliori consigli!

Insomma, esistono diverse tipologie di materiale isolante per tetti, l’importante è affidarsi ad esperti del settore come F.lli Vitali lattonieri, azienda partner CasaClima! Ti guideranno passo per passo alla scelta giusta per te e per la tua casa!  Da anni cercano con passione e professionalità di migliorarsi per offrire un prodotto e un servizio artigianale sempre più innovativo, performante e di grande qualità. Vieni a trovarci!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.